17 giugno 2015

IL POEMA DEL VESTITO DI LATTE (1937): Lanital, una fibra autarchica





Pubblicato a cura dell'Ufficio propaganda Snia Viscosa per pubblicizzare il Lanital, fibra autarchica ottenuta dalla caseina (Marinetti). Tutta da notare è la grafica del fascicolo ad opera di Bruno Munari, il quale ricorre a illustrazioni e collage fotografico, con l'inserzione di insolite pagine di cellophane dove vengono stampate composizioni grafiche. Il fascicolo attesta l'abilità futurista nell'arte pubblicitaria e nella propaganda, e al tempo stesso propone un connubio insolito tra poesia, moda e tecnologia.
Nasce così una sorta di poesia industriale contraddistinta da una tecnica retorica estremamente originale, tra sperimentazione d'avanguardia e gusto quasi barocco della parola analogica e metaforica:
«E voi forze liquide comprendo la vostra ansia non immalinconitevi otterrete certo il prodigio ecco allineati i filtri di bambagia di cotone e tu latte magro coàgulati e per questo caccia via a destra e a sinistra questi eserciti di calorie pensa bevi la grande idea essenziale dare al nastro di caseina una consistenza tale che si possa tagliare umido / [...] Tutti a ridere di gioia partecipando all'ebrezza di un filo di caseina barcolla per la sganasciante ilarità nel mutarsi in nastro poi strilla sono un latte che ritorna beatamente alla sua pura mammella bobina bobina mia mia mia / T'impongo o sacro latte di stringere le maglie d'una viscosità re-si-sten-te (Marinetti 1983: 1167)».
 
L'ilare proposopea del latte che si trasforma in fibra tessile si traduce infine in un'apostrofe ricca di parole composte, paradigma suggestivo dell'immaginazione senza fili futurista:

«Servilità belante e odorosa dei grani che maturati sognano le grazie tue o Latte / Arrenditi non rimandare lo spasimo t'invochiamo sei il bellissimo nastro dei nastri resistente veloce panorama tattile dei più celestiali  pascoli alpini  ti chiamerò Cielo-manuale Muscolodelvento Strizzamipure Tessutomaterno ma tu sciorina in giro vestiti d'inventata carnalità inguainami di serena bontà (Marinetti 1983: 1169-70)».

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.