19 luglio 2011

Filituîra


Da "I Pivìs a Massumadegh" del «Duttour Zass» (Monsignor ANGELO GESSI - Roma 1901 - Officina Poligrafica Romana).

"Filatuîr" era l'operaio addetto al Filatoio quando a Bologna era fiorente l'industria della seta.  Filituîra era una composizione cantata dai filatori e filatrici durante il lavoro. 



Filituîra

Soul che lontan da te
A seppa 'na spardè, mia chera Piv,
Me  an magn pió un ziv
E an son propri pió me.

Al ven l'en è pió ven,
Ch'al seppa mo d'muntuni o d'muscatel,
L'un fa un veg quel
Ch'al per ôli d'rizen.

Quand a fó, temp indria,
A fèr del pred al pònt ed Sant'André,
Am vens sques la diaré
Da la voja d'gnir via.

Tott i dé ch'feva al Sgnour
Me andeva, oura ed desner, in vatta al fnell
Par vaddr al Campanell
E par sentr egli our.

E quand po' en al vdeva
Da la fumena ch'j era da par tott,
Me a steva mott
E po' sempr' a zigheva.

An gh'è inson ch'se sguaza
Cme me quand a m'insonni al mi pàites,
T'em pêr atteis
Chera la mi Pivaza.

S't'foss in vatta a dou rod,
Me a t'vré tirer pr' aveiret semper migh,
Se anch, pr' el fadigh,
An' psess tgnirom pió sod!

Me a i ho pers la mi pès!
Quand a pens a la mama e al papè,
Me am sent impiè
Cum è 'l fugh d'la furnes.

S'a poss torom de dìza
Ch'a crepa pur s'en fag ste zuramento:
Pió tost pulent
Ma en voj movrom d'in cà.


Solo che lontano da te/sia un tiro di sasso, mia cara Pieve,/io non mangio più una cipolla/e non sono proprio più io./Il vino non è più vino,/sia pure di Montuni o di Moscatello,/mi fa uno strano effetto/che mi pare olio di ricino./Quando fui, tempo addietro/ a fare delle pietre al Ponte di Sant'Andrea,/mi venne quasi la diarrea/dalla voglia di venir via./Tutti i giorni che Dio mandava in terra/io andavo, all'ora del desinare, in cima al fienile/a vedere il Campanile/e a sentire battere le ore./E quando poi non lo vedevo/per la nebbia che vi era ovunque,/o restavo muto/poi piangevo sempre./Non vi è nessuno che goda/come me quando mi sogno il mio paese,/mi sembri vicina/cara la mia Pievaccia./Se tu fossi sopra due ruote,/io vorrei trainarti per averti sempre meco,/anche se per le fatiche/non potessi più reggermi in piedi!/Io ho perduto la mia pace!/quando penso alla mamma e al papà,/io mi sento bruciare/come il fuoco della fornace./Se posso togliermi di qua/che io muoia se non faccio questo giuramento:/Piuttosto polenta/ma non voglio muovermi dalla casa.

  


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.