19 luglio 2011

Filituîra


Da "I Pivìs a Massumadegh" del «Duttour Zass» (Monsignor ANGELO GESSI - Roma 1901 - Officina Poligrafica Romana).

"Filatuîr" era l'operaio addetto al Filatoio quando a Bologna era fiorente l'industria della seta.  Filituîra era una composizione cantata dai filatori e filatrici durante il lavoro. 



Filituîra

Soul che lontan da te
A seppa 'na spardè, mia chera Piv,
Me  an magn pió un ziv
E an son propri pió me.

Al ven l'en è pió ven,
Ch'al seppa mo d'muntuni o d'muscatel,
L'un fa un veg quel
Ch'al per ôli d'rizen.

Quand a fó, temp indria,
A fèr del pred al pònt ed Sant'André,
Am vens sques la diaré
Da la voja d'gnir via.

Tott i dé ch'feva al Sgnour
Me andeva, oura ed desner, in vatta al fnell
Par vaddr al Campanell
E par sentr egli our.

E quand po' en al vdeva
Da la fumena ch'j era da par tott,
Me a steva mott
E po' sempr' a zigheva.

An gh'è inson ch'se sguaza
Cme me quand a m'insonni al mi pàites,
T'em pêr atteis
Chera la mi Pivaza.

S't'foss in vatta a dou rod,
Me a t'vré tirer pr' aveiret semper migh,
Se anch, pr' el fadigh,
An' psess tgnirom pió sod!

Me a i ho pers la mi pès!
Quand a pens a la mama e al papè,
Me am sent impiè
Cum è 'l fugh d'la furnes.

S'a poss torom de dìza
Ch'a crepa pur s'en fag ste zuramento:
Pió tost pulent
Ma en voj movrom d'in cà.


Solo che lontano da te/sia un tiro di sasso, mia cara Pieve,/io non mangio più una cipolla/e non sono proprio più io./Il vino non è più vino,/sia pure di Montuni o di Moscatello,/mi fa uno strano effetto/che mi pare olio di ricino./Quando fui, tempo addietro/ a fare delle pietre al Ponte di Sant'Andrea,/mi venne quasi la diarrea/dalla voglia di venir via./Tutti i giorni che Dio mandava in terra/io andavo, all'ora del desinare, in cima al fienile/a vedere il Campanile/e a sentire battere le ore./E quando poi non lo vedevo/per la nebbia che vi era ovunque,/o restavo muto/poi piangevo sempre./Non vi è nessuno che goda/come me quando mi sogno il mio paese,/mi sembri vicina/cara la mia Pievaccia./Se tu fossi sopra due ruote,/io vorrei trainarti per averti sempre meco,/anche se per le fatiche/non potessi più reggermi in piedi!/Io ho perduto la mia pace!/quando penso alla mamma e al papà,/io mi sento bruciare/come il fuoco della fornace./Se posso togliermi di qua/che io muoia se non faccio questo giuramento:/Piuttosto polenta/ma non voglio muovermi dalla casa.

  


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

-. -. -. -.

Comments can not be used for selling advertising products.
The language needs to be corrected, not offensive for people and their ideas.
The responsibility for what is written in the discussions remains of individuals.

It has accepted the post sharing for marketing purposes.
Thanks for the attention.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com