4 gennaio 2012

L'ASOLA DELLA GIACCA NUOVA / UNA FISÉURA TLA GIACA NÓVA - Racconto di Tonino Guerra


Bottone sbottonato, 1969
Domenico Gnoli

Certe sere i casoni di Montebotolino volano via e sembrano delle macchie rosa sopra una tela trasparente. D'inverno, se piove, restano coi piedi dentro le pozzanghere e l'acqua gli scivola addosso come se fossero delle rocce.

Il confessionale nella chiesa è una baracchetta d'abete pitturata di rosa, coi tarli che mangiano anche i chiodi. Io mi sono seduto per provare se il prete stava comodo. Era una domenica pomeriggio e un ragno dondolava in fondo al filo che scendeva da un imbuto di seta. E mi sono addormentato.

Poi mi è venuta voglia di conoscere il prete che per vecchiaia si era ritirato da tutte le funzioni e abitava in campagna vicino alla pineta di Ravenna. Volevo che mi dicesse qual era stata l'ultima sua confessione a Montebotolino. Aveva ottant'anni e le mani tremolanti erano farfalle che prendono il volo.

Senza nominare nessuno, ha detto che una mattina alle cinque, i piedi bagnati perché aveva camminato sopra l'erba imbiancata dalla brina, una vecchia si era subito inginocchiata al confessionale.

Con voce commossa gli ha raccontato che la sera prima di una festa aveva cucito l'asola della giacca nuova di suo marito perché non ci mettesse un fiore per fare lo sbruffone davanti alle donne. E adesso le dispiaceva.

Coat, 1968
Domenico Gnoli


Ui è dal sàiri che i caséun ad Montebotolino i vòula véa e e' pèr dal maci rósa sòura una tàila trasparènta. D'invèran, se pióv, i rèsta si pi dróinta al piscòlli e l'aqua la i sguèlla madòs cumè se fóss dal gènghi.
E' cunsinèri tla cisa l'è una barachètta 'd abàìd pituréda 'd rósa, si tèral ch'i s magna ènca i ciód. Mè a m so mèss disdài par pruvè s' u i stéva còmad e' prit. L'era un dopmezdè d'una dmènga e un ragn e' dindléva tachèd in fònd a un fóil ch'l'avnèva zò da un pidriùl 'd sàida. E a m so indurmént.

Pu u m'è avnù vòia da cnòs e' vichèri che par l'avciàia u s'era ritiràt da tótti al funziòun e e' stéva in campagna dri la pinàida 'd Ravènna. A vléva ch'u m géss qual era stè l'éultma su confesiòun a Montebotolino. L'éva utènt'an e u i treméva al mèni cumè che fóss dò pavaiòti ch'al ciapa e' vòul.

Sènza fè n
óm e cognóm, u m'à racòunt che una mat
óina al zóinch, si pi tótt mól ch' la éva caminé sòura l'erba biènca 'd bróina, una vècia l'à s'è mèssa sóbit d'inznòc te cunsinèri.

S'una vòusa ch'la i treméva la i à détt che la sàira próima d' una fèsta l'éva cusói ch'la fisurìna te bèvar dla giaca nóva de su maróid parchè u ni mitéss un fiòur da fè e' pacòun davènti èlti dòni. E adès u i dispiséva.


Tonino Guerra

Questo racconto è tratto da:
"Il libro delle chiese abbandonate" / "E' lóibar dal cisi abandunèdi"
Maggioli Editore (1988)

Domenico Gnoli (Roma, 1933 - New York, 1970) è stato un pittore, illustratore e scenografo della Pop art.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.