4 maggio 2017

ABACA (CANAPA DI MANILA)

Abacà (Canapa di Manila) - dallo spagnolo abacá, derivato a sua volta da una voce indigena dell'isola di Luzon, appartenente all'arcipelago delle Filippine.


Fibra tessile tratta dalle foglie di piante dette musaceae" (Musa Textilis, Musa Paradisiaca, ecc.) delle Filippine, dove è tuttora coltivata. Le fibre sono estratte dal fusto formato dai piccioli delle foglie, larghe ed oblunghe, avvolte l'una sull'altra e lunghe dai 3 ai 7 mt.; hanno notevoli caratteristiche di resistenza e leggerezza e si ritirano poco all'umidità.

IMPIEGHI: Le parti più fini, che si ricavano dalle foglie interne, vengono utilizzate per la produzione di tessuti e tele  leggere e molto resistenti; le più grossolane vengono utilizzate, grezza, per cappelli, cesti, stuoie, cordami da marina ed anche refe per reti da pesca, in quanto resiste molto bene all'acqua marina.  

CODICE TESSILE: AB (EURATEX)



CURIOSITA' - Nei luoghi di produzione con i filamenti, detti "Tagal", si fanno trecce per i cappelli.


Rames Gaiba
© Riproduzione riservata



Link per iscriverti a TRAMA E ORDITO su Telegram
il modo più semplice per non perdersi nessun post
e notizie e contributi esterni (quest'ultimi dalla pagina Facebook)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.