18 aprile 2016

Rosso... mi avventuro tra bacchettoni della Riforma e Cappuccetto



Balmain | Spring/Summer 2011



Il rosso è un colore orgoglioso, pieno d'ambizione e assetato di potere, un colore che vuol essere visto e che è ben deciso a imporsi su tutti gli altri. A dispetto di tanta insolenza, il suo passato non è stato sempre glorioso. Esiste una faccia nascosta del rosso, un cattivo rosso (così come si dice cattivo sangue) che nel corso del tempo ha provocato molti danni, con un brutto retaggio pieno di violenze e di furori, di delitti e di peccati. Diffidatene: questo colore nasconde la sua doppiezza. È affascinante, e bruciante come le fiamme di Satana.

Se c'è un colore che può essere definito tale è proprio il rosso!
Parlare di «colore rosso» è difatti quasi un pleonasmo! D'altronde, certi termini, come coloratus in latino o colorado in spagnolo, significano tanto «rosso» quanto «colorato». In russo, krasnoi, significa «rosso» ma anche «bello» (etimologicamente, la Piazza Rossa di Mosca è la «bella piazza»).

Il rosso ha un passato più che glorioso.
Fin dall'antichità lo si ammira e gli si attribuiscono i simboli del potere, ovvero quelli della religione e della guerra. Il dio Marte (il «pianeta rosso»), i centurioni romani, certi sacerdoti... sono tutti vestiti di rosso. Questo colore s'imporrà perché rimanda a due elementi, onnipresenti in tutta la sua storia: il fuoco e il sangue. Li si può considerare positivamente o negativamente, e ciò ci fornisce quattro poli attorno ai quali il cristianesimo delle origini ha costituito una simbologia così tenace che sussiste ancora oggi. Il rosso fuoco è la vita, lo Spirito santo delle Pentecoste, le lingue di fuoco rigeneratrici che scendono sugli apostoli; ma è anche la morte, l'inferno, le fiamme di Satana che consumano e annientano. Il rosso sangue è quello versato dal Cristo, la forza del salvatore che purifica e santifica: ma è anche la carne insozzata, i crimini ( di sangue), il peccato e le impurità dei tabù biblici.

Il colore rosso è un colore ambivalente.
Con la sua insolenza non piacerà ai bacchettoni della Riforma, tanto più che è il colore dei «papisti»! Per i riformatori protestanti, il rosso è immorale. Costoro tengono sempre presente un passo dell'Apocalisse in cui san Giovanni racconta come la grande prostituta di Babilonia, vestita di rosso, cavalcasse una bestia uscita dal mare. Per Lutero, Babilonia è Roma! Bisogna dunque cacciare il rosso dal tempio... e dagli indumenti di ogni buon cristiano. Questa «fuga» del rosso non è priva di conseguenze: a partire dal XVI secolo, gli uomini non si vestono più di rosso (a eccezione dei cardinali e degli appartenenti a certi ordini cavallereschi). Negli ambienti cattolici, le donne possono farlo. Se n'è serbata traccia: azzurro per i neonati maschi, rosa per le femminucce... Il rosso resterà anche il colore dell'abito da sposa fino al XIX secolo. In questo ambito, ritroviamo la solita ambivalenza: per molto tempo le prostitute sono state costrette a portare un capo rosso, affinché, per strada, le cose fossero chiare a tutti.

Il colore rosso ha assunto una posizione centrale nelle nostre immagini della libido, l'energia vitale, sia nella forma della passione sessuale che in quella del vivere una «vita spericolata» che ha - ancora un ambivalenza - un labile confine con l'aggressività: vi è la meretrice di Babilonia vestita di rosso scarlatto, la Lettera Scarlatta (titolo del romanzo «The Scarlet Letter» scritto da Nathaniel Hawthorne, nel 1950, che ci racconta di un adulterio commesso), i cuori rossi sui biglietti di san Valentino, il «quartiere a luci rosse» (da Pigalle a St Pauli, St Kilda, Karakoy, passando per la più esplicita Pattaya Beach), in un giro del mondo tra sexy shop, spettacoli erotici e prostitute, umorismo e squallore nell'amore per la vita vissuta, le stranezze e la tolleranza, le diversità e il colore.

E Cappuccetto... Rosso si avventura nella foresta del Medioevo.
In tutte le versioni della favola (la più antica risale all'anno mille), la bambina ha una mantellina di colore rosso. Era perché i bambini vestiti così si tenevano meglio d'occhio da lontano, come hanno affermato alcuni storici? O perché, come dicono certi testi antichi, la storia si svolge nel giorno delle Pentecoste e della festa dello Spirito Santo, il cui colore liturgico è il rosso? Oppure ancora perché la bambina sarebbe finita nel letto del lupo e sarebbe scorso il sangue, tesi avanzata dagli psicanalisti? Anche qui vi è ambivalenza: la lotta tra l'aurora (Cappuccetto Rosso), le tenebre (il lupo) e il sole (il cacciatore).

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

-. -. -. -.

Comments can not be used for selling advertising products.
The language needs to be corrected, not offensive for people and their ideas.
The responsibility for what is written in the discussions remains of individuals.

It has accepted the post sharing for marketing purposes.
Thanks for the attention.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com