23 marzo 2017

CIMOSA

Cimosa - dal latino tardo cimussa, corda e cinghia di corda, di etimologia incerta.

Estremità laterali dei tessuti, che ha la funzione di impedire al tessuto di sfilacciarsi, costituiti da fili estremi ed esterni dell'ordito, in genere più fitti e resistenti, in quanto devono sopportare lo sforzo laterale del pettine e la violenza della trama che si inserisce di volta in volta, portata dalla navetta. Anche nei telai senza navetta, ormai la netta maggioranza, le cimose sono ordite su rocchetti a parte con materiale resistentissimo.

Meno comune: cimossa. Anche vivagno, lisiera.

Vi sono vari tipi di cimose:
  • Cimose semplici - Sono formate con armatura tipo tela, utilizzando gli stessi fili del resto dell'ordito, cioè con un filato della medesima dimensione, ma con un rapporto fili/cm. maggiore.
  • Cimose a nastro - Sono talvolta realizzate con armatura di tela ma più spesso con panama, perché forma un bordo più piatto.
  • Cimose centrali - Sono necessarie quando si tessono contemporaneamente due teli gemelli uno di fianco all'altro. Il tessuto viene poi tagliato tra le due cimose centrali, per separare i due teli e i bordi tagliati sono rifiniti con un punto a catenella o con un orlo.
  • Cimose fuse - Queste cimose sono fatte su tessuti di fibre termoplastiche, come il nylon, riscaldando i bordi del tessuto, in modo che le fibre fondano e si saldano insieme sigillando i bordi. Questa tecnica è a volte usata per tagliare tessuti molto ampi in teli di ampiezza ridotta.
  • Cimosa a giro inglese - E' usata su alcuni telai senza navetta. La fabbricazione utilizza una armatura di garza piuttosto stretta che blocca le estremità tagliate della trama lungo il bordo del tessuto.
  • Cimosa a capo rientrante - E' una tecnica usata su alcuni telai senza navetta.

Si definisce Cimosa parlata quando viene eseguita una stampigliatura o tessitura portante la marca del fabbricante, scritte, sigle  o altri segni convenzionali (esempio: Pura Lana Vergine) in colore contrastante. Vengono oggi eseguite solo su tessuti finissimi, di pregio, destinati alla vendita al banco, da grossisti o negozianti per sartoria. Per i tessuti destinati alla confezione sono perfettamente inutili, in quanto rappresenterebbero soltanto un aumento di prezzo al metro, dovuto alla particolare esecuzione; per quelle tessute essa avviene per mezzo di piccole jacquard, applicate sopra al telaio a ratiera, che lavorano parzialmente solo per i fili di cimosa durante l'esecuzione del fondo da parte del telaio stesso a ratiera.

francese: lisière
inglese: edge; selvedge
tedesco: Kante; Rand; Umriss; Stoffkante; Webkrante
spagnolo: borde; orillo

CURIOSITA' - Non sempre le cimose sono parallele all'ordito, cioè laterali: in molti tessuti peruviani si presentano anche parallele alla trama, perciò terminali.

RIF. LETTERARIO - Les lisières sont pires que le drap” (I bordi sono peggio della stoffa); proverbio francese, che in Normandia significa che i domestici sono più insolenti dei padroni, verso gli estranei.


Rames Gaiba
© Riproduzione Riservata

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

-. -. -. -.

Comments can not be used for selling advertising products.
The language needs to be corrected, not offensive for people and their ideas.
The responsibility for what is written in the discussions remains of individuals.

It has accepted the post sharing for marketing purposes.
Thanks for the attention.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com