23 giugno 2017

MADRAS

Madras - dal nome della città indiana Madras, così chiamata dall'aramaico màdrasa, «luogo di studio», composto dal prefisso di luogo ma- e darasa, «studiare» dove, alla fine del XIX secolo, questa stoffa veniva fabbricata. Ora questa città è chiamata Chennai. Il termine oggi appartiene al linguaggio internazionale dell'abbigliamento. 


1a. Tessuto realizzato in fil coupé o garza inglese (variante dell'armatura tela), generalmente in cotone, allestito con filati di colore diverso sia in ordito che in trama. Solitamente è  a quadri asimmetrici o righe  irregolari, in colori vivaci, e di solito senza sfondo bianco. Viene anche realizzato in seta a righe e quadri sovrapposti. Può essere prodotto anche su telai jacquard.



1b. Oggi il termine madras identifica solo la fantasia (anche nella versione stampata), indipendentemente dalle fibre impiegate. La categoria di questi tessuti è tra le più libere nelle interpretazioni; si dicono madras tutti i riquadri non  classici, con note d'ordito e di trama irregolari, anche diverse fra loro. (Mariella Azzali, Dizionario di Costume e Moda, ed. m.e. architectural book and review, 2015, voce "madras", pp. 534-535)

IMPIEGHI: È usato nella camiceria estiva, e nell'abbigliamento nella versione leggera e trasparente per giacche da uomo e pantaloni molto vistosi, per giacche di spezzati e gonne. Si utilizza anche in arredamento.



STORIA - Questo tipo di stoffa veniva originariamente tinto con sostanze naturali e tessuto su telai a mano con intreccio a tela rada tipo garza. In virtù di questa caratteristica nell'autentico madras il colore tende a perdere brillantezza e a schiarirsi nel tempo creando un effetto chiamato bleeding madras, [1] molto apprezzato dagli intenditori. (Stefanella Sposito, Archivio tessile, ed. Ikon, 2014, voce "Madras", p. 76). Oggi gli stilisti spesso lo ripropongono  per le loro collezioni di abiti interi (in passato anche Moschino, Westwood, Kawakubo) in un revival anni '50. 


[1] Il bleeding madras è in cotone, con fili molto lenti e simile a quello della garza.  

Rames Gaiba
© Riproduzione riservata

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.