20 giugno 2017

PIBIONES (PIBIONIS)

Pibiones - in sardo significa "acini d'uva".

Tecnica tradizionale di tessitura a grani chiamata a “pibionis” (o “pibiones”, dove i piccoli anelli di filato (pipiolini) sporgono dalla superficie del tessuto formando un disegno. È un tessuto abbastanza pesante e compatto ad armatura tela o, più frequentemente, a saia 2/2, dove il disegno è creato da un filo supplementare, di titolo maggiore di quelli che costituiscono la tela di fondo.

Il disegno è realizzato portando i pibiones in rilievo rispetto alla superficie di tessitura. Questo può essere fatto mantenendo lo stesso colore di base, o dando a  questo rilievo uno o più colori diversi affinché il motivo sia maggiormente evidente. Nascono così tessiture a “tessuto pieno” dove i pibiones sono strettamente addossati gli uni agli altri a formare una superficie uniforme movimentata da un disegno ottenuto con i cambi di colore, e tessiture a “tessuto semipieno” dove gli spazi tra i pibiones mettono in evidenza la tessitura sottostante. Per la sua creazione si utilizza un telaio orizzontale.

I filati impiegati possono essere la lana, il cotone, il lino, ecc.



Questo tipo di tessuto si utilizza per sofisticate tovaglie, tende, asciugamani e copriletti, ma anche per borse o oggettistica varia.




È tipico delle aree centrali e orientali della Sardegna (in particolare di Samugheo).





Rames Gaiba
© Riproduzione riservata

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.