29 settembre 2017

UNCINETTO

Uncinetto - diminutivo di uncino.


1. Specie di grosso ago costituito da un normale bastoncino munito ad una estremità di un uncino che serve per prendere e guidare il filo ed eseguire maglie che si concatenano tra loro. Oggi è più comunemente in alluminio o acciaio, ma può essere anche in legno o persino in avorio, con dimensioni, secondo l'International Standard Range (ISR) e vanno da 0,60 mm, per cotone fine, a 10,00 mm per filato molto grosso (a seconda del lavoro che deve essere realizzato) e, dal momento che l'uncinetto non serve per reggere i punti (come il ferro per i lavori a maglia), ma solamente l'occhiello di lavorazione, hanno tutti una lunghezza standard che è di circa 20 cm. L'uncinetto di solito è schiacciato al centro per permettere una migliore impugnatura. Il procedimento si basa sull'intreccio delle maglie ottenuto appunto con l'uncinetto; le due maglie base sono il punto alto e il punto basso, le cui diverse combinazioni danno origine a una grande varietà di lavorazioni a maglia o rete, dalle più semplici alle più elaborate.

I filati che si possono utilizzare per il lavoro all'uncinetto possono essere molto differenti sia per composizione (fibra) che grossezza (titolo). Oltre al cotone si può usare la lana, la seta, il lino, la canapa, la juta, la corda sia da soli o uniti ad altri filati per dare risultati insoliti.

2. I lavori eseguiti con questo strumento prendono il nome di uncinetto, e sono sia indumenti ed accessori  (golf, sciarpe, berretti, guanti, cinture, costumi da bagno, borse, ecc.) sia centrini, coperte, pizzi.



Abiti ad uncinetto
collezioni primavera - estate 2017

STORIA - Il lavoro all'uncinetto è nato dalle tecniche preistoriche d'intreccio delle reti da pesca, ma è poi difficile seguirne lo sviluppo anche se sono stati trovati esempi primitivi in  ogni parte del mondo, partendo già dalla civiltà egizia. Alle volte l'uncinetto è stato lavorato con uncini e filati molto fini per produrre tessuti a maglia leggeri  oppure è stato lavorato con filati più spessi su grossi uncini dando origine ad un tessuto a maglia compatto e denso. Questo secondo tipo di uncinetto veniva usato dai Cinesi per fabbricare bambole tridimensionali, dalle popolazioni Africane che lo usavano per fabbricare i copricapi dei loro capi tribù, dai Turchi per creare cappelli e in Scozia per fare berretti e pesanti mantelli. La forma di uncinetto più squisita ebbe origine in Italia nel XVI sec. ed esso veniva soprattutto usato dalle suore per realizzare addobbi e vestimenti per la Chiesa.

Francese: crochet - Inglese: crochet hook - Tedesco: hähelnadel - Spagnolo: ganchillo - Portoghese: crochê

Rames Gaiba
© Riproduzione riservata

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.